Pubblicità
24.3 C
Roma
22 C
Milano
PubblicitàCaffè Italiano

GEOPOLITICA

Pubblicità
HomeArti & CulturaA Milano, Made4Art presenta la mostra "Oggetti d'Affezione. Libri appesi e stretti,...

A Milano, Made4Art presenta la mostra “Oggetti d’Affezione. Libri appesi e stretti, Teatrini e Oggetti poetici di un museo interiore per un teatro immaginario e un Autoritratto Vide(ou)”

MADE4ART è lieto di presentare Oggetti d’affezione. Libri appesi e stretti, Teatrini e Oggetti poetici di un museo interiore per un teatro immaginario e un Autoritratto Vide(ou), mostra personale dell’artista, poeta, musicista e compositore Sergio Armaroli. Il progetto, a cura di Vittorio Schieroni ed Elena Amodeo, è visitabile presso la sede di MADE4ART in Via Ciovasso 17, nel quartiere Brera, ampliandosi presso lo spazio di ascolto e sperimentazione ERRATUM in Viale Andrea Doria 20, entrambi a Milano.

L’esposizione si compone, a partire dalla raccolta intima di alcuni oggetti d’affezione scelti dall’artista, di tre motivi composti con i Libri appesi e stretti per una lettura impedita, con i Teatrini, messa in scena nello spazio di una piccola scatola scenica per un teatro portabile, e con Dettagli decontestualizzati attraverso le immagini fotografiche di Francesca Pozzi, dove la loro rappresentazione attraverso il dettaglio fotografico è straniante e atto a spostare il significato, raccogliendo collezioni e frammenti di un mondo di cose trovate. L’oggetto si pone nel mezzo tra l’immagine e il suo significato eluso, la sua funzione dimenticata nel dettaglio dove è perduto ogni riferimento al reale.

Quale archetipo della mostra l’Autoritratto Vide(ou) nel duplice significato di “vedere/visione” e ritualizzazione vodou/vudù: spirito, segno del profondo; nella duplice forma di proiezione video in situ e di presenza oggettuale-scultorea.

Oggetti d’affezione vuole concentrare l’attenzione sulla produzione oggettuale dell’artista intesa come scultura e atto mancato, non un ready-made, ma un oggetto poetico e d’affezione.

Il progetto si completa con il parallelo simultaneo allestimento di tutti gli oggetti poetici in un ideale museo interiore come quello di ERRATUM, teatro di teatri, esso stesso oggetto d’affezione e luogo di consistenza poetica, quali oggetti-parola di una poetica inoperosa, catalogati secondo criteri di somiglianza in un archivio immaginario a cura di Elena Amodeo e Vittorio Schieroni.

Di tutti questi oggetti verrà realizzato il catalogo generale, sempre a cura di MADE4ART.

L’esposizione presso la sede di MADE4ART è accessibile dal 18 al 30 gennaio 2024 con opening giovedì 18 gennaio dalle ore 18 alle 20; per gli altri giorni apertura al pubblico il lunedì dalle ore 15 alle 18, dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle 18 e il sabato dalle ore 15 alle 18. Sempre nelle stesse date è possibile prendere visione della mostra presso ERRATUM esclusivamente su appuntamento.

 

 

(13 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE