Pubblicità
20 C
Roma
18.9 C
Milano
PubblicitàCaffè Italiano

GEOPOLITICA

Pubblicità
HomeCopertinaGli ascolti Rai in calo sono colpa dei giornalisti "pigri"....

Gli ascolti Rai in calo sono colpa dei giornalisti “pigri”….

Le critiche gli fanno venire il mal di pancia così i vertici di “TeleMeloni”, o della nuova Rai supersovranista – ultima novità in programma il ritorno dopo dieci anni di “The Apprentice” di Briatore (geniali!) – devono trovare un capro espiatorio. E agitando i bassi ascolti i vertici Rai, ecco questi ultimi attribuire colpe ai giornalisti che un fantasioso direttore generale definisce “pigri” perché il palinsesto è ancora incompleto (ad ottobre).

La spiegazione viene fornita dal direttore generale Rai Giampaolo Rossi che parla a Il Foglio, ripreso anche da Il Fatto Quotidiano, lamentando di trovare “trovo pigro quel giornalismo che racconta la Rai con morbosità” e “piccine le cattiverie di chi si esercita nel parlar male dell’azienda in cui lavora”. E poi parla di “quotidiani che ormai copiano altri quotidiani pur di irriderla” (la Rai, come se non fosse in grado di irridersi da sola); è evidente che Rossi legge tutti i quotidiani che copiano altri quotidiani, dimenticando forse che i dati di ascolto sono pubblici. L’ennesimo dettaglio di un giornalismo pigro. E qui, dove non si copia nessuno, ma si cita qualcuno per correttezza professionale, nessuno dice che la Rai è “da vendere”, nessuno dice “vendiamola”, ma tutti pensano che sarebbe meglio farla bene, questa televisione senza la clava e senza furori.

 

 

(6 ottobre 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE