Insopportabile teatrino mediatico del Di Battista difensore del mondo

Altri articoli

Share

di Giovanna Di Rosa

Scontro all’insegna della vaghezza e dell’idealismo del nulla all’allegra sagra televisiva del martedì sera su La 7 (Floris si erge come gigante di fronte alla mediocrità dei suoi ospiti) che ha visto protagonisti SallustiDi Battista che messi insieme fanno scintille. Mentre Sallusti fa il Sallusti il Di Battista cerca con disperazione da raccapriccio di uscire disperatamente dal Di Battista.

Il Che Guevara de voantri che sta alla politica come Jovanotti sta all’ambientalismo sincero e alla cultura, si è lanciato in un monologo da liceale al secondo anno sui giovani che muoiono in Ucraina, sugli adolescenti mandati in guerra da Putin, riuscendo a mischiare la necessità di difendersi degli Ucraini, gli attacchi di Putin e le armi inviate dall’Occidente senza dire nulla di sensato, rendendo così note le niente affatto misteriose ragioni che hanno fatto decidere a Conte di non candidarlo.

Sallusti, proprio l’inascoltabile e inguardabile Sallusti, è riuscito ad affondarlo con una semplice domanda: “Perché lei odia gli Ucraini” alla quale Di Battista, che oltre che professore di politica, geopolitica ed economia ha anche grande padronanza di sé, ha risposto con “Questa è una scemenza” unica espressione sensata in un profluvio di affermazioni da liceale al secondo anno.

Quasi quasi è meglio l’ambientalismo da spiaggia, chiappe al vento e giovanilismo da ultracinquantenne, di Jovanotti.

 

(5 ottobre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: