16.5 C
Roma
venerdì, Settembre 30, 2022

“Non oscurano i messaggi d’odio contro di noi”. Mosca blocca Facebook e Instagram. Ma non Anonymous

Altre notizie

di G.G.

Passi la censura, ma sa di ridicolo, persino in tempo di guerra, la crociata di Mosca contro i giganti del digitale che “Non oscurano i messaggi d’odio contro di noi” e che ordina un’inchiesta penale contro Meta, società che controlla Facebook e Instagram, presentando al contempo una denuncia in tribunale con la richiesta di inserirla nella lista delle associazioni estremiste.

Csì la Russia sta rapidissimamente regredendo al 1917, insieme a troppo intellettuali o sedicenti tali di casa nostra, portando con sé tutto un sistema, tutto un popolo che della lotta di Putin contro internet non sa nulla, non avendo accesso al web. Dopo avere silenziato le testate giornalistiche, messa l’opposizione in galera, oscurati i sociali Putin ha al momento un controllo ferreo sull’informazione ufficiale completamente nelle sue mani. Si è dimenticato di Anonymous, il collettivo di hacker – un vero e proprio esercito invisibile – che dopo essere riuscito a far trasmettere in diretta sulla tv di Stato le immagini dei bombardamenti in Ucraina, immagini censurate, è riuscito ad inviare 7 milioni di messaggi ad altrettanti numeri di operatori che lavorano in Russia per informarli della guerra scatenata da Putin in Ucraina, con i loro figli in prima fila. Anonymous, secondo i media, avrebbe usato 1920.in, un portale che mette a disposizione numeri appartenenti a operatori telefonici del territorio russo.

 

 

(12 marzo 2022)

©tsnnews.it | gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità
Pubblicità

Ultime notizie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: