21.5 C
Roma
giovedì, Settembre 29, 2022

Ex Ilva, i 575 milioni tornano alle bonifiche per Taranto. Fratelli d’Italia e Lega votano contro

Altre notizie

di Massimo Mastruzzo

Le risorse destinate alle bonifiche dell’area di Taranto, prevista da una norma inserita nel decreto Milleproroghe, rischiavano  paradossalmente di essere sottratte proprio dai piani di decarbonizzazione di Acciaierie d’Italia.

Lo spostamento del “tesoretto” di 575 milioni di euro dalle bonifiche alle attività produttive, era stato voluto dal Mite che aveva chiesto di ricalcolare i valori epidemiologici che hanno portato alla valutazione del danno sanitario con rischio cancerogeno elevato.

In sostanza, con l’articolo 21 – “Imprese di interesse strategico nazionale” – del decreto Legge del 30 dicembre, le somme  rimaste inutilizzate, ovvero 575 milioni, rischiavano di non essere più destinate alle bonifiche. Fortunatamente nelle commissioni riunite Bilancio e Affari Costituzionali della Camera è stato approvato l’emendamento ottenuto dalla convergenza di M5S, PD, Forza Italia, che sopprime l’articolo 21 che mirava a destinare i 575 milioni di euro alla decarbonizzazione dei processi produttivi di Acciaierie d’Italia – Ex Ilva, facendo prevalere l’importanza di non sottrarre queste ingenti risorse che i cittadini tarantini meritano per le bonifiche del proprio territorio. I fondi provenienti dai beni sequestrati alla famiglia Riva, tornano così ad essere disponibili per gli interventi di bonifica del territorio di Taranto nelle zone più compromesse dall’inquinamento industriale.

Lega e Fratelli d’Italia ora dovrebbero spiegare le ragioni del loro voto contrario ad un emendamento che ha riconsegnato a Taranto le risorse per le bonifiche delle quali la città ha tanto bisogno.

 

(18 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità
Pubblicità

Ultime notizie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: